martedì 26 novembre ’13

XXXIV Settimana t. Ordinario

 

B. GIACOMO ALBERIONE

nacque nel 1884 in provincia di Cuneo, da povera e laboriosa famiglia di contadini. Nel 1900 entrò in Seminario ad Alba. Nella notte che segnava il passaggio al nuovo secolo, durante la veglia di adorazione solenne nel Duomo, mentre pregava gli venne dall’Ostia, l’invito di Gesù: “Venite ad me omnes…”(Mt 11, 28) che lo incitò a fare qualcosa per gli uomini e le donne del suo secolo. Nel 1914 iniziò la “Pia Società S. Paolo”, primo dei 10 rami della Famiglia Paolina. La morte lo colse a Roma, all’età di 87 anni, il 26 novembre 1971.

 

La Parola di Dio del giorno

”Mentre alcuni parlavano del tempio, delle belle pietre e dei doni votivi che lo adornavano, Gesù disse: “Verranno giorni in cui, di tutto quello che ammirate, non resterà pietra su pietra che non venga distrutta”. Gli domandarono: “Maestro, quando accadrà questo e quale sarà il segno che ciò sta per compiersi?”. Rispose: “Guardate di non lasciarvi ingannare. Molti verranno sotto il mio nome dicendo: “Sono io” e:“Il tempo è prossimo”; non seguiteli…Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno…vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandi dal cielo”. Lc 21,5-11

 

Riflessione Per Il Giorno – La sapienza dei proverbi: la pazienza

”La pazienza è la virtù dei forti”: bisogna ricordarlo ai tanti che oggi sono convinti che essere pazienti sia un difetto associato a debolezza e rassegnazione: ma forse rimane vero che la pazienza è la virtù degli asini o dei Santi. Ma bisogna pur fare presente che “l’impazienza raddoppia il male, sconvolge le virtu’ ed è la madre della disperazione”. Infatti “se pazienza ti manca e discrezione, né buon servo sarai, né buon padrone”, perché “la pazienza ha gloria, con essa si vince tutto e s’acquista scienza”. Consola sapere che “Non v’è mal che non finisca, se si soffre con pazienza” e come nella felicità è necessario coltivare la ragione, nell’infelicità è indispensabile mantenere la pazienza.

 

Preghiera del giorno – Preghiera per chiedere la pazienza

“Donami pace e serenità; donami pazienza e calma e frena il mio istinto. Signore Gesù, aiutami ad affrontare ogni imprevisto, ogni difficoltà, ogni incontro con la serenità che solo Tu puoi darci. Tu sei il mare calmo nella tempesta; tu sei la roccia salda nel cataclisma. Tu sei la vera pace. Amen”.

 

Intenzione del giorno

Preghiamo per chi si impegna ad approfondire e diffondere la stampa e la cultura cattolica

 

Don’t forget! Ricorda!

Glorie di Bergamo: “ANGELO MAI”

Nato a Schilpario nel 1782 e ordinato prete nel 1806, fu grande paleografo e studioso. Nominato nel 1807 prefetto della Biblioteca Vaticana e nel 1838 per grandi meriti acquisiti fu nominato Cardinale. Eccezionale personalità, era tra le persone più note del suo secolo. Morì a Roma nel 1854.      

 

martedì 26 novembre ’13ultima modifica: 2013-11-25T15:34:19+00:00da psv2010
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento