sabato 23 novembre ’13

XXXIII Settimana tempo Ordinario

 

S. Clemente I Romano Papa e martire 

Clemente, quarto vescovo di Roma dopo Pietro, Lino e Anacleto, è ricordato nel Canone Romano. La lettera da lui indirizzata ai Corinzi per ristabilire la concordia degli animi, appare come uno dei più antichi documenti dell’esercizio del primato. Lo scritto accenna alla morte dei Pietro e Paolo e dei protomartiri romani nella persecuzione di Nerone.

La Parola di Dio del giorno

Gesù disse: “I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni dell’altro mondo e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito;  e nemmeno possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, essendo figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgono, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando chiama il Signore: Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe. Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui”. Lc 20,27-40

Riflessione Per Il Giorno – Saggezza orientale

<<In lontananza due si abbracciavano nella luce del tramonto. “Sono un papà e una mamma”, pensò una bimba. “Sono due amanti”, pensò un uomo dal cuore torbido. “Sono due amici che s’incontrano dopo anni”, pensò un uomo solo. “Sono due mercanti che hanno concluso un buon affare”, pensò un avaro. “E’ un padre che abbraccia un figlio di ritorno dalla guerra”, pensò una mamma. “E’ una figlia che abbraccia il padre di ritorno da un viaggio”, pensò un uomo addolorato per la perdita della figlia. “Sono due innamorati”, pensò una ragazza che sognava l’amore. “Sono due uomini che lottano all’ultimo sangue”, pensò un assassino. “Chissà perché si abbracciano!”, pensò un uomo dal cuore arido. “Che bello vedere due persone che si abbracciano”, pensò un uomo di Dio>>.  Morale della storia: esamina i tuoi pensieri, dicono molte più cose su di te di qualsiasi maestro.

Preghiera del giorno – Il Seme – C. Chieffo

Il Signore ha messo un seme nella terra del mio giardino; il Signore ha messo un seme nel profondo del mio mattino. Io appena me ne sono accorto sono sceso dal mio balcone e volevo guardarci dentro e volevo vedere il seme. Io vorrei che fiorisse il seme, io vorrei che nascesse il fiore, ma il tempo del germoglio, lo conosce il mio Signore”

Intenzione del giorno

Preghiamo per le vittime dei disastri naturali in tutto il mondo

don’t Forget!

23-11-1967: muore don Angelo Pagani, prete del PSV

23-11-1980: il terremoto dell’Irpinia causa 2.000 morti, 10.000 feriti e 300.000 sfollati.

 

sabato 23 novembre ’13ultima modifica: 2013-11-22T14:14:26+00:00da psv2010
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento